Lè Nadel


Anche il cognome del poeta non lascia dubbi… ecco l’Augurio della Romagna e di Parchi della Riviera!

Lè Nadel, lè festa,
la festa piò bela cui sia,
l’ariva è “bambino Gesù”.

Lè la festa dla speranza
dov che tot is fa i’auguri e…
…è saria bel, che st’aria clas respira,
las putes respirè tot l’an.

Guardan stè “Burdel”
che a Nadel e vein tra d’un
fasem una roba,
mitem da perta l’eguisme
e al nostri debulezzi,

e purtand una mena sora è cor,
a ringraziem è “Signor”
per tot quel c’avem,
pensand, magari,
che ma qualcun ui’amenca,
e intent che as guardem tla faza
as augurem semplicement
e sa tot è cor
“bon Nadel”.

di Giuliano Casadei